bbiamo le soluzioni per la sofferenza umana, e sono a disposizione di tutti”. Con queste parole colme di verità, L. Ron Hubbard si riferiva in particolare a un mezzo per soppiantare l’intolleranza con la benevolenza, la criminalità con la decenza, la degradazione con la dignità e l’onore. In breve, si riferiva a tutto quello che può essere concretizzato mediante gli strumenti di etica personale da lui esposti e il suo codice morale laico, La via della felicità, e quindi tutto ciò per cui si è battuto quale umanitario di questo secolo, il cui operato si è dimostrato della massima pertinenza.

Non esiste un settore della società in cui l’opera di L. Ron Hubbard, in quanto fondatore di Dianetics e Scientology, non sia stata avvertita. Perché da tali soggetti provengono verità che abbracciano tutta l’esistenza. Tuttavia considerando il puro e semplice numero di persone (letteralmente decine di milioni) raggiunte dalle sue opere sulla condotta umana ideale, non si può semplicemente discutere dell’etica e della moralità moderne senza fare riferimento a L. Ron Hubbard.

Come sia giunto ad affrontare tali questioni e quale sia stato l’impatto delle sue scoperte a livello internazionale è naturalmente l’argomento della presente pubblicazione. Ma certi aspetti fondamentali devono essere compresi fin dall’inizio: innanzitutto, quando parliamo del contributo di L. Ron Hubbard nel campo dell’etica, ci riferiamo a una tecnologia di etica, a un sistema completo per il miglioramento etico. Al centro di questo sistema c’è una visione globale dell’etica come razionalità volta al massimo livello di sopravvivenza per tutte le cose. Dunque l’etica diventa non un concetto astratto, bensì uno strumento funzionale col quale garantire la prosperità, la felicità e la sopravvivenza in ogni sfera dell’esistenza.

Ma come si utilizzano questi strumenti? La risposta ci viene da un’altra straordinaria scoperta di L. Ron Hubbard che riguarda i vari stati o condizioni di etica da cui dipende il successo della sopravvivenza di un uomo. Vale a dire che una persona può sopravvivere più o meno bene conformemente al proprio grado di condotta etica, ma c’è pur sempre un ampio margine di miglioramento. Ed è qui che entrano in gioco quelle che Ron definì “condizioni di esistenza" e le formule delineate gradino per gradino con le quali si possono migliorare tali condizioni.

Il punto di massima rilevanza di queste scoperte è che, grazie alla tecnologia di L. Ron Hubbard, l’etica non è più un oggetto di contemplazione per ottusi dibattiti su ciò che è giusto o sbagliato; è una forza vitale e dinamica tesa al bene, che trova applicazioni concrete in ogni aspetto della nostra vita. Analogamente, con La via della felicità, la “moralità" non è più un altro termine retorico per candidati politici e ospiti di programmi radiofonici. È un’arma per combattere tutti i cavalieri dell’apocalisse del nostro secolo, inclusa l’aggressività urbana, la violenza domestica, la rapacità delle grandi imprese e l’inquinamento atmosferico. Quindi la tecnologia di etica di L. Ron Hubbard e La via della felicità rappresentano anche la soluzione contro la criminalità epidemica e, francamente, per la riabilitazione di più di un milione di detenuti rinchiusi nelle carceri statali e federali nella sola America.




| Precedente | Glossario | Indice | Successivo |
| Questionario | Sito di riferimento | Libreria | Prima pagina |

L. Ron Hubbard Site | L. Ron Hubbard: Fondatore di Scientology | L. Ron Hubbard: Creatore di musica | L. Ron Hubbard, L'istruzione | L. Ron Hubbard, Un profilo | Tributi e riconoscimenti a L. Ron Hubbard | Scientology | Dianetics

info@scientology.net

© 1996-2005 Chiesa di Scientology Internazionale. Tutti i diritti riservati.

Informazioni sui marchi d'impresa